un olocausto senza fine

tutti i giorni nel mondo si continua e rigenerare il virus della SHOAH:
ebrei, ieri e oggi, vittime delle persecuzioni.

ma non sono i soli.

lo stesso e identico lo vivono musulmani, omosessuali, cristiani, neri e gialli, bambini e donne.

ricordarcene solo oggi e’ un grave errore.

perche’ inchinarsi davanti ad un’ecatombe solo un di’ all’anno?

e domani?

il modo migliore per non dimenticare, e’ fare sempre qualcosa per gli altri:
questo e’ il vero obbiettivo di chi tutti i giorni si sveglia consapevole e forte, perche’ l’obbiettivo e ‘ vivere la quotidianita’ senza perdersi nella quotidianita’ stessa.

e’ lo stesso e identico dramma di ieri e di domani:
meditate gente, meditate!