SpaghettoNazionale

Il mio spaghetto al pomodoro.

Io non faccio soffritti.

Sono dell’idea che l’olio debba essere utilizzato a crudo e che il pomodoro debba cuocere senza grassi.

Prendete dei filetti di pomodoro, Gerardo di Nola i miei preferiti.

Schiacciateli ben bene e mettetili direttamente in un pentolino antiaderente senza olio!

Fiamma bassa e fate cuocere per 15, 20 minuti molto dolcemente, finche’ l’acqua di vegetazione non si sara’ completamente asciugata.

Fate raffreddare e mettete in frigo.

Dopo un ora riscaldate il pomodoro a fiamma dolce.

La salsa che otterrete dovra’ essere densa, morbida e compatta.

A questo punto rimane la delicata fase di condimento o rifinitura che dir si voglia:
per dare sapidita’, invece che il sale io batto al coltello una dozzina dei meravigliosi capperi di gabrio bini e li metto nella salsa, poi, olio essenziale villa mandori al peperoncino e al pepe nero, una generosa dose di un grande olio extravergine (i miei EVO preferiti quelli di arianna occhipinti e valentini) e mescolare con vigore per mantecare e legare il tutto.

Volutamente niente aglio e cipolla , non ho ancora trovato l’escamotage per farne un corretto utilizzo.

In ultimo:
padella , spaghetto molto al dente per completare e legare salsa e pasta, senza dimenticare un grande basilico fresco, il mio preferito e’ il bollone , e una generosa quota di olio a crudo!

Ole’!
A me, piace cosi!

La vostra versione?