Sala&Cantina

Sala&Cantina2015:
basso profilo e altissime prestazioni.
si ripartira’ da questi propositi.

se il 2014 e’ stato un anno terribile per Sala&Cantina in continua emergenza, il 2015 deve essere l’anno della svolta.

lavoreremo sodo per iniziare un percorso che restituisca spazio e credibilita’ all’altra meta’ di un ristorante: la Sala.

dovremo guardare alle delusioni e alle sconfitte come ad un’opportunita’ per restituire valore e dignita’ al nostro ruolo.

dobbiamo reinventare una figura di Sala nuova che parli il linguaggio della modernita’.

dovremo essere di buon esempio e convincere i piu’ giovani di Sala che il successo passa necessariamente per la cultura e il buongusto.

rimane significativo lo scontro che ho avuto con taluni, abituati alla polemica e alla bagarre:
testa bassa e pedalare, e state alla larga da chi vuole a tutti i costi alzare i toni.

una Cucina di successo e’ legata indissolubilmente ad una Sala&Cantina motivata e appassionata;
un piatto straordinario colpira’ nel segno se sara’ accompagnato da un abbinamento di egual valore, e ad un servizio misurato e sobrio.

in futuro e’ indispensabile mettere Cuochi e Camerieri uno di fianco all’altro, portarli su un palco, in giro per l’italia e per il mondo, perche’ siano l’esempio.

se non comprenderemo l’importanza e l’urgenza di questo gesto, a breve le scuole di Sala&Cantina saranno deserte e le brigate di Camerieri saranno un esercito di impiegati senza volto, cuore e anima.

siamo gente di Sala, in grado di guardare alle difficolta’ e alle umiliazioni in maniera positiva e costruttiva, e andiamo sempre avanti:
“Accettare il fallimento è un’attitudine da vincenti.”
Alain Robert (arrampicatore urbano francese)