SALA!

il nuovo modo di vivere la Sala e’ fatto da un servizio leggero, sempre puntuale e centrato sul cliente; un servizio che guarda al passato in chiave critica per dare evoluzione a quanto di buono e’ stato fatto negli ultimi 30 anni.

non si puo’ prescindere dai fondamentali, perche’ bisogna saper sfilettare e sporzionare, ma e’ necessario andare oltre ed alleggerire e semplificare.

in sala ci vuole passione, cultura, conoscenza, cortesia e controllo.

bisogna smontare le gerarchie e portare tutti sullo stesso livello di competenza.

essere nostalgici da un lato e’ un pericolo, ma d’altro canto e’ un bene per chi ha compreso che riscrivere le regole vuol dire rispettare i fondamentali che vanno attualizzati e ripensati.

oggi in un 3 stelle, parlo per noi, non e’ necessario avere una brigata di 20 persone in una sala con 12 tavoli, perche’ una squadra composta da 8 max 10 persone e’ in grado di organizzare un servizio puntuale, dinamico e professionale:

serve un leader che sappia far squadra, perche’ le gerarchie creano distanze ed energia negativa.

si governa e si comanda con amore: i giovani non vanno umiliati ma vanno abbracciati in un percorso di crescita fatto anche di sbagli; addio alle frustrazioni ed alle umiliazioni, benvenute le squadre che lavorano col sorriso sulle labbra e sanno coniugare sana tensione, concentrazione e un pizzico di contagiosa allegria.

il nuovo servizio passa per le mani la testa e il cuore di gente che ha fatto la storia della Sala italiana e penso ad Antonio Santini a cui noi guardiamo con ammirazione e rispetto.