PaneFortissimamentePANE!


pane vero e pane duro nel futuro!
la base culturale e sociale su cui poggia Panino e PaninoDiCorsa, raccontata in sintesi da Tonino TerraTerra nostro intellettuale di riferimento, e ancor piu’ chiaramente dimostrato in questo video capolavoro!
leggete le parole di Tonino e guardate il video.

“Caro Beppe ti scrivo così ti distraggo: un po’ di Dalla fa sempre bene.

Ti scriverò di cose terra terra, non ho cose cielo cielo da dirti.

Ti parlerò del pane duro, con l’aiuto di Montignac.

Quando si nomina il pane duro è paura, si pensa a povertà e privazioni ma non si tratta di ciò.

Si tratta della più grande scoperta dopo l’acqua minerale:
il pane duro, raffermo o tostato, è più digeribile di quello fresco appena sfornato, per prima cosa, per seconda rilascia meno zucchero nel nostro sangue, e ci potrebbe stare la terza cosa cioè sapori piacevoli.

Montignac mi spiega che l’amido contenuto nel pane durante la fase di cottura gelatinizza formando la mollica; quando incomincia il raffreddamento e, con il passare del tempo, l’essiccamento, avviene il fenomeno delle retrogradazione dell’amido.

Più il pane è raffermo, più l’umidità, migrando verso l’esterno, favorisce la retrogradazione cioè una ulteriore trasformazione dell’amilosio contenuto nell’amido, ad una condizione glicemica favorevole per il nostro organismo; è quello che accade quando si fa il pane tostato, ad esempio.

Il pane tostato l’ho gustato in diverse versioni nel tuo Panino.

Caro Beppe, “un passo avanti per l’uomo, un balzo da gigante per l’umanità”.

Pane duro nel futuro!
Senza paura.
Saluti
Tonino