OnlyTheBrave!

un caro Amico mi ha detto:
“io non mi fido piu’ di nessuno”.
si parlava di quelli che i piu’ chiamano ‘dipendenti’.

una vera odissea.
il problema numero uno per chiunque.
tutti abbiamo attraversato e vissuto situazioni difficili a riguardo, e nella maggior parte dei casi i postumi ti lasciano un segno indelebile.
bisogna avere il buonsenso e la lucidita’ per fare un’analisi corretta e riconoscere responsabilita’ e ragioni a tutto tondo.

io continuo a credere, a investire e a guardare con piglio positivo tutti:
bisogna andare oltre le impressioni, i difetti, i limiti e i pregi per scoprire quello che in profondita’ ognuno di noi e’ in grado di dare e di fare.
e’ necessario riflettersi negli altri, per trasformare i vincoli di ognuno in grandi opportunita’ per il gruppo.

e’ un grave errore enfatizzare il talento di un singolo, perche’ se non c’e’ cultura e sensibilita’ si corre il rischio di perdere il controllo e la situazione precipita a danno di un progetto e di un’impresa.

nessuno e’ cattivo al punto tale da covare la disfatta di un collettivo, ma un sempliciotto che si lascia abbagliare puo’ far crollare in un baleno una vita fatta di sogni e duro lavoro.

io credero’ sempre negli altri:
in primis, perche’ ringrazio e ricordo chi mi ha sempre supportato, sopportato e aiutato in tutti i momenti importanti della mia vita privata e professionale.

credo che sia un dovere e una sfida continuare a cercare prima un Amico e poi un partner con cui fare un percorso per dare peso e sostanza a quelle intuizioni che col tempo diventano solide realta’ grazie al contributo di tutti.

guardo l’Osteria Francescana, Panino e la mia vita con un approccio sempre critico e costruttivo:
riconosco le difficolta’ e il peso di una vita vissuta a grande velocita’ travolto dalle mie passioni, perche’ questo comporta un grande prezzo da pagare, ma sull’orizzonte c’e’ sempre un mare di emozioni che un domani coloreranno un libro fatto di ricordi e grande passione.
basso profilo e altissime prestazioni