AzzoliniRULEZ!

come fate, Voi elettori e contribuenti esemplari, a non comprendere il gesto d’amore incondizionato del Governo verso l’Uomo e non per il Senatore!

Azzolini, servo umile e ligio al dovere, a due passi due dalle meritate ed agognate ferie ha rischiato di non godere di barca, aragosta, caffe’ e ammazza caffe’, e chi piu’ ne ha per favore ne metta.
sta qui la ragione di un salvataggio degno del peggior scenario fatto di inciuci tutti italiani.

adesso, chiuso il siparietto del sarcasmo e della satira, mi guardo allo specchio e quel che vedo non mi piace.
siamo i protagonisti e i colpevoli di questa ennesima puntata tragicomica della Seconda Repubblica.
perche’?
perche’ le rivoluzioni si fanno in due modi:
in strada o sui banchi di scuola.
non ci e’ riuscita mai nessuna delle due, inermi ci facciamo travolgere da un malcostume italiano che evidentemente scorre nelle nostre vene.
ormai, non c’e’ neanche una parvenza di vergogna e imbarazzo nel compiere gesti che rappresentano il peggior esempio possibile, proprio come l’odierno salvataggio del Senatore Azzolini.

il resto e’ retorica, e parole al vento.

oggi tramonta qualsivoglia barlume di speranza nei confronti del Presidente del Consiglio, mediocre campione di una Politica infame che viene da lontano.

Evviva l’Italia!