una giornata tosta

e' stata una giornata dura.
di quelle che ti mettono alla prova .Leggere di più


Denis Bretta ci racconta il Menu' Sensazioni

Denis e' il nuovo Direttore e Responsabile del Servizio dell'Osteria Francescana, e ci parla dell'evoluzione del Menu' Sensazioni che e' diventato "Vieni in Italia con Me"Leggere di più


il Trebbiano Abruzzese

di Cristiana Tiberio

Se è vero che una vite non è solo materia genetica e botanica ma offre un tracciato storico del proprio territorio e della sua tradizione;
allora il Trebbiano Abruzzese è tra i custodi di tali contenuti.

La famiglia delle uve Trebbiano è ampia e variegata: Trebbiano Giallo, Trebbiano Toscano, , Trebbiano Romagnolo, Trebbiano Abruzzese
(Trebbiano d'Abruzzo è il vino);
ognuna con caratteristiche proprie ben distinte. Diventa dunque necessario quando si parla di Trebbiano, specificarne la varietà.
Il Trebbiano Abruzzese, un' uva dal grappolo e acini grandi, buccia sottile, teme le scottature e predilige i climi freschi .
Il Trebbiano d'Abruzzo, con alcuni grandi produttori di riferimento, ha dimostrato di poter essere un vino elegantemente sottile, raffinato, molto longevo, di grande equilibrio,e dal grande potenziale evolutivo. Capace nel tempo di virare verso sensazioni di fine tostatura, tutta naturale e tipica del vitigno, non dovuta all'uso di legno, con un gusto dal finale minerale e ammandorlato.

Scorrendo la campagna abruzzese e i suoi vigneti, tra le nuove forme di impianti fatte di linee ordinate, a testimonianza di una viticoltura viva e dinamica;
ancora è possibile scorgere vecchie vigne con forme d'allevamento a tendone, le cui viti portano gli evidenti segni del tempo.
Un tempo che è trascorso inesorabile , raccontando le origini del suo terroir; attraversando una storia fatta di tanti e diversi cicli climatici, fatta di scelte spesso obbligate e necessarie.
Questo oggi rappresenta un patrimonio genetico tutto abruzzese, che negli anni si è impregnato di un carattere geografico,climatico e stilistico propri.
Vecchi vigneti che hanno fatto da serbatoio alla memoria storica.
Sulle origini del Trebbiano Abruzzese molto si discute e continuerà a discutersi ma ciò che spesso sfugge all'attenzione é il suo punto di arrivo ad oggi.
Un punto d'arrivo non ultimativo e definitivo ma legato al momento contingente, consapevole di appartenere al mutevole destino della natura, dove tutto cambia e si trasforma.
Così oggi il Trebbiano Abruzzese, figlio di questo preciso momento storico diventa denso di contenuti che rimandano alle sue radici.
Un carattere ampelografico generatosi e rimodellatosi spontaneamente, attraverso i secoli, dalle ricombinazioni genetiche e dalla alternanza spesso irregolare e scomposta di stagioni torride e siccitose, piovose e fredde, da una gestualità viticola sempre accurata e mai riproducibile.

Ogni vecchia vigna con la profondità del suo apparato radicale esprime essenza geologica, ogni vecchia vigna con la sua stratificazione di legno vecchio esprime territorio e carattere genetico.
Ogni vecchia vigna rischia di esaurirsi e di scomparire portando con sè la propria mappatura e il proprio senso unico e speciale. Compito di una viticoltura attenta scrupolosa e benevola sarebbe il recupero dei vecchi biotipi. Di quei legni, ancora vivi capaci di generare,per mano sapiente dell'uomo, nuove piante, a cui cedere il testimone della propria natura per un progetto di continuità .
Per salvaguardare quel senso di appartenenza, di tipicità che non è sinonimo di rusticità, e per progredire in una dimensione contemporanea che affonda le radici nel passato, ma non un passato qualsiasi, il nostro, l'unico capace di rappresentarci.

Per saperne di più sul Trebbiano Abruzzese e i suoi vini consiglierei il libro 'The Native Wine Grapes of Italy' di Ian D'Agata, disponibile dall' autunno, che racconta tutto sulla genetica, storia, viticoltura ed enologia dei nostri vitigni.


ShortTerrificReebs!

Una domenica di pioggia e di felicita'Leggere di più


SuaMaesta'!

la Mortadella sta alla felicita' come Andrea Pirlo sta al centrocampo.Leggere di più


la Colazione del Cuore

mai avuto dubbi : latte e caffe' e una montagna di taralli !

Leggere di più


Croccantino di Foie Gras

libidine allo stato puro!

20130322-234044.jpg
e' successo che ti ho sognato di notte!Leggere di più


Gianfranco Soldera informa

condivido a mia volta un comunicato importanteLeggere di più


Avanzi & Ritagli

dalla lenta cottura del Brodo ristretto di Cappone e dalle lunghe cotture dei tagli da BollitoLeggere di più