Sala!

Ti trovi di fronte ad un tavolo e devi capire abbastanza velocemente quali sono le regole di ingaggio: un bel sorriso serve ad auscultare chi hai di fronte per capire se c’è voglia di dialogo, se è necessario allentare la tensione, oppure se è il caso di “partecipare” con massima discrezione.

In questo istante si decidono le sorti di un’esperienza a Tavola.

Le tante aspettative, che accompagnano il viaggio di quei gourmet che fanno chilometri per pranzare o cenare in un Ristorante, dipendono da una Sala in grado di far decollare un’esperienza gastronomica.

E’ fondamentale toccare i tasti giusti, leggere rapidamente certi passaggi che al momento dell’ordinazione ben dispongono o irretiscono i veri protagonisti di un Ristorante: i Clienti.

E’ vietato dividerli in ospiti di serie A o B, ma è necessario farli accomodare secondo una precisa logica per permettere agli stessi di essere accanto a persone con cui stabilire un buon feeling.

Siete mai stati da Pipero?

Alessandro è il protagonista di un nuovo modo di pensare e interpretare il Servizio.

Ci sono poche e precise regole che distinguono un buon Ristorante da un Luogo mitico: ad esempio Dal Pescatore in cui Antonio Santini governa e dirige come pochi al mondo.

Per capire meglio il valore e l’importanza del Servizio noi di Sala dovremmo frequentare con costanza i Ristoranti da Clienti: serve ad appassionarci ancora di più e a comprendere meglio certi passaggi con gli occhi di chi sta a sedere.

Ecco perché è importante trasmettere calma e buona energia a chi arriva trafelato, eccitato o un po’ spaventato.

Camerieri non si nasce, Camerieri si diventa!

18 Comments

  1. Io dopo aver provato il tuo servizio in Francescana, ne ho sentito la nostalgia per mesi (e ancora oggi)

  2. Gigi Lauro Umberto Salussolia

  3. Alan

    Caro Beppe, hai citato Antonio Santini, il Maître per eccellenza in Italia e Alessandro Pipero l’innovatore… un altro he citerei io e che governa come pochi al mondo (di tutti quelli che ho visto io è sicuramente il migliore) è il grandissimo Diego Masciaga del Waterside Inn, superlativo!

  4. Ma che ne sa Alessandro Pipero di sala…
    😂😂😂😂😂😂😂
    (maestro)

  5. Se ti chiamavi Giuseppa ……

  6. Giuseppe, sottoscrivo in pieno.
    Aggiungerei, tuttavia, che questo è l’approccio giusto in generale, anche nelle Sale più semplici, anche dove il cliente non arriva da lontano carico di aspettative ed emozionato. Vale ovunque ci sia una Sala e un Cliente 😊

  7. Che bello! Lo descrivi con così tanta passione che mi piacerebbe imparare ed essere una cameriera di sala. Ho un ricordo bellissimo di una signora maitre ricordo : la grazia, la signorilità, la gentilezza nelle movenze ti facevano sentire una regina con una naturalezza disarmante. Bellissima arte!!!!

Leave a Comment