Archive for febbraio, 2016

PerNonDimenticare

caro Matteo Salvini se avessi cultura e conoscenza sapresti che prima degli altri i veri emigranti siamo stati noi.

noi italiani che abbiamo avuto la sventura di incontrare cattiveria e chiusura, e tanta altra brava gente che ha teso una mano ed ha aiutato i bisognosi.

per non dimenticare…

Donna italiana a Ellis Island, 1906. Fotografia di Augustus Francis Sherman. Inaugurata nel 1892, la stazione di smistamento di Ellis Island, nella baia di New York, ha visto transitare più di 12 milioni di immigrati prima di essere chiusa nel 1954 e ospitare, a partire dal 1990, un museo sull’immigrazione. Solo nel 1907, al culmine del flusso migratorio, sono passati da questa porta d’ingresso per gli Stati Uniti più di un milione di immigrati, provenienti soprattutto dall’Europa.

Dopo essere state sottoposte a controlli sanitari e a test logici e intellettuali, molte delle persone che arrivavano a Ellis Island venivano trasferite subito sulla terraferma, mentre alcune erano trattenute sull’isola per periodi più lunghi e talvolta venivano rimpatriate. Read more…

Sala: ironia della sorte

negli ultimi tempi piu’ di una volta mi sono soffermato a riflettere sul percorso fatto e sull’impegno profuso per far emergere l’annosa questione “Sala&Cantina”.

tutto ebbe inizio nel novembre del 2011, a casa mia ci riunimmo e con la scusa di stare insieme e fare festa per la prima volta portammo all’attenzione dei piu’ un argomento tabu’ che aveva assunto le preoccupanti dimensioni dell’emergenza Sala.

la vera svolta fu l’ultima festa, il 20 maggio 2012 eravamo in 80 e casa mia sembrava un campo di battaglia in cui gruppi tribali e fazioni diverse (critici, giornalisti, blogger) facevano festa invece che scornarsi.

fu una giornata importante in cui piu’ di qualcuno fece promesse e proclami di impegno per la Sala, perche’ era chiaro che la Sala&Cantina meritavano uno spazio adeguato durante la stagione dei grandi Cuochi.

da allora non ho mai smesso di ripetere con maniacalita’ e forza quel messaggio. Read more…

JeSuisCRACCO!

il piccione e’ uno dei piatto gourmet piu’ amati, io quando ho la fortuna di trovarlo in Carta lo ordino sempre.

l’ultimo grande piccione l’ho mangiato al Mercato, cucinato e servito da Eugenio Ronconi e Giacomo Gironi.

e’ notizia di questi giorni quella degli animalisti che hanno denunciato Cracco, perche’ ha cucinato un piccione, uccello considerato “fauna selvatica”, quindi protetto. 

La preparazione del piatto è avvenuta durante una puntata di Masterchef e ha scatenato le ire degli animalisti dell’Aidaa, che hanno sporto denuncia penale.

manco a dirlo: Je suis Cracco!

zero polemica con gli animalisti che tutti i giorni sono impegnati in difesa dei diritti degli animali, ma e’ un diritto fondamentale di ogni gourmet poter mangiare un grande piccione cacciato o macellato in allevamenti autorizzati da gente seria che da secoli rispetta, venera e apprezza i piccioni.

il disegno e’ di quel geniaccio di Gianluca Biscalchin.

MasterChefismi

in finale si delinea un quadretto simpatico e tutto sommato credibile.

Maradona si e’ dimostrato arrogantello e saccente, ed e’ stato giustamente punito ed eliminato.

Erica e’ in finale per una serie di circostanze e coincidenze a lei favorevoli piu’ che per meriti, ma ci sta.

Lorenzo si e’ dimostrato bravo, modesto e meritevole, resta il mio preferito per la simpatia e la genuinita’ con cui si pone.

Alida e’ la migliore concorrente di sempre a mio avviso (insieme a Federico Ferrero) e molto probabilmente vincera’ con merito.

MasterChef lo guardano in tanti ma sono pochi quelli che lo confessano: di cosa dovremmo vergognarci?

non fa figo essere uno spettatore di MasterChef?

mi piace l’idea che sia cambiato l’approccio dei giudici, perche’ c’e’ meno livore tra i concorrenti e volano meno piatti, e questa edizione tutto sommato e’ stata piacevole e divertente.

giovedi sara’ finale, forza Lorenzo!

storia genetica degli italiani

fonte: genealogiagenetica.it

Il presente post è la traduzione in italiano di un articolo pubblicato su Eupedia.com da Maciamo Hay nel luglio 2013 e aggiornato nel febbraio del 2015, è disponibile in versione originale al seguente link: Genetic history of the italians.
L’Italia è un paese interessante sia per la genetica che per la storia. Read more…

FateL’AMORE!

fate l’amore, non fate la dieta…. e non fate la guerra!

OnlyTheBrave!

L’errore è la prima forma di ricerca.
AlessandroNegrini 

 

BastaSala?

la Sala, nonostante la nostra totale ed evidente incapacita’ di chiamare sponsor e danari e quindi di suscitare interesse, resta il punto chiave su cui costruire il successo di qualsiasi Ristorante.

semplice: una Cucina piena di talento sara’ annichilita da una Sala ottusa e incapace.

e’ ora di smetterla di urlare dalla finestra “Sala Sala Sala”, me ne rendo conto perfettamente.

alla lunga la ripetitivita’ dei soliti concetti rischia di stancare e recare danno ulteriore.

zero polemica, testa bassa e pedalare.

basta sedersi, e aspettare.

quel giorno e’ arrivato!

siamo (quasi) ufficialmente i proprietari dello storico Bar Modena in Calle di Luca. mancano le firme, ma una parte importante dell’accordo e’ fatto.

purtroppo abbiamo rinunciato a suo tempo al progetto Stella, perche’ avevamo presentato un progetto che fu bocciato (dalla burocrazia che uccide questo Paese) a causa di 15 cm che mancavano nell’altezza di quel locale, e da allora ci siamo messi alla ricerca di un nuovo spazio.

dopo attente riflessioni e valutazioni abbiamo trovato il coraggio, le risorse e il locale giusto, a nostro avviso il luogo ideale in cui continuare a fare quello che ci appassiona e ci appartiene.

in primis vorrei ringraziare Moris Barbieri, il mitico proprietario di questo Bar storico.

quale sara’ il nostro futuro?

il Bar Modena e’ il luogo in cui a settembre continueremo la nostra avventura con LINO la Casa del Tortellino.

sara’ un ristorante di cucina domestica e tradizionale e una gastronomia in cui potrete comprare pasta fresca, da cuocere o gia’ preparata, secondo la scuola emiliana , e molto altro! Read more…

buonanotte!

“Lei ha una qualche ambizione? Ma… Non…

E Allora vada via… Se ne vada dall’Italia. Lasci l’Italia finché è in tempo. Cosa vuole fare, il chirurgo?

Non lo so, non ho ancora deciso…

Qualsiasi cosa decida, vada a studiare a Londra, a Parigi… Vada in America, se ha le possibilità, ma lasci questo Paese. L’Italia è un Paese da distruggere: un posto bello e inutile, destinato a morire.

Cioè, secondo lei tra poco ci sarà un’apocalisse? Read more…

ARRABBIATISSIMA!

ARRABBIATISSIMA: Sala&Cucina andata e ritorno!

la FESTA dell’anno: torna SFIDE, cilindrate gastriche a confronto.

l’andata a Modena da Panino e il ritorno da Pasquale e Gaetano Torrente a Erbusco da Burro&Alici.

da un post di Pasquale Torrente ieri e’ nata un’idea straordinaria, e abbiamo deciso di organizzare la sfida delle sfide:

chi vincera’ il contest e verra’ incoronato il Re e il piu’ grande mangiatore di pasta all’arrabbiata d’Italia?

vincera’ Alessandro Pipero?

Antonio Scuteri?

il vincitore potrebbe essere l’outsider Luca Della Corte che giura di vincere e mangiare anche due uova sode appena terminata la finale ?

o in finale il titolo se lo contenderanno i Re della Pasta Riccardo Felicetti e Giuseppe DiMartino avversari per un giorno?

Rossana Gaja, le Santorine e Anna Roberto riusciranno per lo meno a superare le qualificazioni?

Francesco Salvo sara’ legato e vestito con una bandiera della Juve?

i gemelli Garelli riusciranno a far bere un esercito di partecipanti?

Alessandro Negrini ce la fara’ insieme ad Irina Steccanella a cucinare quintali di ARRABBIATISSIMA?

e Massimo Bottura, Carlo Cracco, Luciano Pignataro, Albert Sapere ed Enzo Vizzari accetteranno di essere i giudici supremi della sfida? Read more…

AlteCilindrateGastriche

amo Roma: colori opachi, giornate di sole, amici veri e il caos piu’ o meno organizzato di cui tutti si lamentano ma che probabilmente da sempre scorre nelle vene della Citta’ eterna.

c’e’ chi arriva a Roma per piacere, per lavoro, per forza o per disgrazia.

se ti siedi al banco del Bar di uno degli alberghi simbolo della Capitale puoi ordinare una amatriciana da urlo.

Francesco Apreda e’ al comando delle cucine dell’Imago all’ultimo piano da capogiro dell’Hotel Hassler.

e’ interessante osservare che un napoletano guarda un piatto della tradizione romana e lo riprende con rispetto e con coraggio: al sugo aggiuge a fine cottura dei pomodori interi che portano all’intingolo freschezza, croccantezza e masticazione, taglia del guanciale sottile e lo fa’ croccante, e ti permette di mangiare una amatriciana da volare via nonostante i NO di chi crede che certi piatti siano patrimonio e monopolio delle insegne turistiche dal sangue giallo/rosso. Read more…

90esimo minuto

Totti e’ la Roma e uno dei piu’ grandi calciatori italiani degli ultimi 20/30 anni.ma, dobbiamo riconoscere che era dai tempi di Capello e prima ancora di Liedholm che non accadeva:

finalmente la Roma ha un allenatore.

io non posso esprime un giudizio o schierarmi, mi limito ad un parere personale.

ps: il piu’ bel goal che ho visto segnare in Italia e’ il cucchiaio di Totti a San Siro contro l’Inter, senza se e senza ma.

voi come la pensate?

inestimabili condivisioni

CREMA ALLO ZABAGLIONE
E MASCARPONE

secondo Iginio Massari

ingredienti :

-crema zabaglione a 30° C g 1000

-gelatina in fogli g 20

-meringa all’italiana 1:2 g 300

-mascarpone g 500

-panna g 500

-panna montata g 500

procedimento:

mescolare lo zabaglione alla gelatina (precedentemente ammorbidita in acqua fredda e sciolta a 60°C), mescolare e montare la prima panna con il mascarpone, quindi amalgamare la meringa all’italiana e a seguire, molto delicatamente la panna montata.

Amalgamare dolcemente il tutto.

Crema zabaglione:

latte g 500

baccello vaniglia n 1

scorza limone n 1

tuorli g 450

zucchero g 350

amido di riso e maizena 1:1 g 50

marsala g 500

far bollire il latte, la vaniglia e la scorza di limone in una bacinella. Read more…

BuonaDomenica!

di AngelaSantoro

(1 di 2 de ‘le Santorine’)

“A Londra mi è capitato di vedere alcune coppie con figli piccoli, anche molto piccoli, biondissimi, neri, orientali, latini. Una coppia con due papà, quattro bambini di cui uno nel marsupio, uno che scappava, il grande che aiutava il fratellino a bere mentre l’altro papà era in affanno fra fazzoletti, guantini e biberon. Goffo come solo un uomo sa essere. Dolcissimo padre, come solo un uomo sa essere. Un’altra coppia con due mamme, bellissime, e due piccoli bimbi anche loro bellissimi, partivano per andare a trovare le nonne. Sorrisi, tenerezza, modi gentili che solo le donne sanno avere. Mamme, due mamme, che crescono i loro bambini insieme. Read more…

Load More